Dubai: cosa vedere e mangiare, dove dormire. Guida completa


In questa nostra nuova guida su cosa vedere a Dubai vi porteremo alla scoperta della città più in voga in questi anni. Non è la capita degli Emirati Arabi Uniti che, invece, ha sede a Abu Dhabi, ma è la città del lusso sfrenato, del contrasto tra mare e grattacieli. Negli ultimi anni si è imposta come meta turistica delle vacanze di VIP e non solo. A Dubai nel corso degli anni sono cambiate tantissime cose: oggi i turisti possono acquistare alcolici liberamente grazie ad una licenza di 30 giorni, diventare piloti di Formula 1 o trasformarsi nella star di un film. Prima, però, di entrare nel vivo con i consigli su cosa fare a Dubai, partiamo da alcune info di base per contestualizzare il territorio in cui ci troviamo.

Gli abitanti di Dubai superano i 3 milioni, per la precisione 3.271.541 abitanti. Dubai è la capitale di uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti ed è situata sul Golfo Persico. Come città, per la prima volta, Dubai fu menzionata nel 1095, mentre l’insediamento più antico risale al 1798. Il primo edificio fu costruito nel 1787 ed è il Forte di al-Fahidi che, attualmente, ospita il Museo di Dubai. Ha alternato anni di prosperità ad anni di declino e gli anni ’80 sono quelli in  cui Dubai ha avuto una crescita economica impressionante: fu ampliato l’aeroporto, scoperti nuovi giacimenti di gas e petrolio. Al momento, solo il 20% dell’economia dipende dal petrolio e il turismo e il commercio sono la base della sua economia.

Come di consueto in questa guida su cosa vedere a Dubai seguiremo il nostro schema tradizionale. Partiremo dunque dalle informazioni più importanti che precedono la programmazione del viaggio, come indicazioni fondamentali sul clima di Dubai, il meteo a Dubai e di conseguenza i consigli su quando andare a Dubai per godervi al meglio il vostro viaggio. Successivamente vi forniremo le info su come arrivare a Dubai dall’Italia, per poi andare a proporvi alcuni dei migliori tour in italiano di Dubai che vi faranno scoprire tradizioni ed angoli nascosti di questa città che non smette mai di stupire. Per condensare tutto il meglio delle attrattive turistiche, abbiamo pensato dunque di creare tre proposte differenti che troverete indicate in questo modo: cosa vedere in un giorno a Dubai, cosa vedere in due giorni a Dubai e cosa vedere in tre giorni a Dubai. Oltre a questo, per concludere, vi daremo alcuni consigli su cosa mangiare a Dubai, dove dormire a Dubai, cosa comprare a Dubai e, come detto, quando andare a Dubai, cercando di fornirvi tutti gli strumenti necessari per pianificare al meglio questo viaggio che, siamo certi, non vi deluderà. Se siete d’accordo, direi che è il momento di entrare nel vivo con la nostra guida.

Come arrivare a Dubai

Iniziamo andando a vedere come arrivare a Dubai direttamente dall’Italia. La principale comrpagnia aerea degli Emirati Arabi è Fly Emirates che effettua voli diretti da Roma e da Milano. Il volo dura circa cinque ore. Qualora, però, vorreste arrivare a Dubai con un volo più economico potete puntare su un volo con degli scali. Dall’Italia, i voli con gli scali, verso Dubai partono dalle principali città italiane: Napoli, Palermo, Pisa, Firenze, Bologna, Venezia e tante altre ancora. L’Italia non è mai stata così vicina agli Emirati Arabi.

Una volta arrivati all’aeroporto di Dubai per raggiungere il centro della città hai diverse opzioni: taxi, metropolitana o auto privata. Per prendere un taxi dall’aeroporto di Dubai, basterà seguire la segnaletica che vi porterà all’esterno, dove troverete taxi a qualsiasi ora ad attendervi. I costi variano in base alla città che si deve raggiungere. L’altra soluzione è la metropolitana che, dall’aeroporto, si può prendere ai terminal 1 e 3. La metropolitana di Dubai è aperta tutti i giorni dalle 5.50 alle 24 tutti i giorni, mentre il giovedì la sua corsa comincia alle 5.30 e finisce all’1.00, e il venerdì comincia alle 13.00 e finisce all’1.00. La linea rossa collega l’aeroporto a tutte le zone di Dubai e il costo del biglietto varia a seconda delle zone che si attraversano. L’ultima opzione è quella relativa all’auto privata che ha un costo a partire da 15 euro a persona.

Informazioni prima della partenza

Prima di proseguire ed indicarvi i nostri consigli su cosa a fare a Dubai, riteniamo opportuno fare un’altra premessa con alcune informazioni necessarie da tenere bene a mente in fase di preparazione del vostro viaggio.
Per quanto riguarda i documenti necessari, dovete sapere che ai cittadini italiani, per entrare negli Emirati Arabi Uniti, serve il passaporto che abbia una validità minima di 6 mesi dalla data di ingresso nel Paese. Inoltre, c’è bisogno di un visto che varia a seconda della durata e dello scopo del viaggio. Viene rilasciato in aeroporto un visto turistico a cittadini italiani di 30 giorni, ma è possibile chiedere una proroga. E’ obbligatoria l’assicurazione sanitaria perché senza un’adeguata copertura assicurativa i costi degli ospedali e del rimpatrio saranno a carico del viaggiatore. Vi ricordiamo, inoltre, che a Dubai la moneta utilizzata è AED (Dirham degli Emirati Arabi Uniti) e che il fuso orario è di 4 ore.

A Dubai è vietato:

  • usare termini coloriti e parolacce;
  • scambiarsi di effusioni amorose in pubblico
  • un look troppo eccessivo o provocante
  • bere alcolici in strada: l’età legale per iniziare a bere, nei bar, è 21 anni;
  • fumare in determinate zone può essere un rischio

Il meteo a Dubai

Il clima a Dubai è di tipo caldo desertico, questo vuol dire che non piove quasi mai, ma soprattutto che le estati sono torride e afose con una temperatura che raggiunge anche i 41° ad agosto. Durante la notte la temperatura può scendere a circa 30°. Distinguere estate ed inverno è difficile, anche perché in inverno la temperatura è mediamente di 24°,  con 14° di notte, in particolar modo a gennaio, il mese più freddo dell’anno. L’alto tasso di umidità in estate può rendere la città invivibile. I mesi più caldi sono luglio e agosto, mentre quelli più freddi sono gennaio e febbraio. I mesi consigliati per visitare Dubai, quindi, sono da metà marzo e aprile e nei mesi di novembre e dicembre quando le temperature sono più accettabili.

A questo punto se avete preso tutti gli appunti, è arrivato il momento di entrare nel vivo di questa nostra guida completa su cosa vedere a Dubai andando a proporvi il nostro consueto schema che, come detto, si suddivide in tre paragrafi centrali così indicati: cosa vedere in un giorno a Dubai, cosa vedere in due giorni a Dubai e cosa vedere in tre giorni a Dubai. Andiamo!

Dubai: cosa vedere in un giorno

Le cose da fare a Dubai sono effettivamente tante, ma per vederla tutta possono bastare anche solo 3-4 giorni. Trovare cosa fare è un’impresa alquanto semplice, basta capire a cosa dare priorità e a cosa vedere assolutamente a Dubai. Iniziamo, però, a vedere, cosa vedere in un solo giorno a Dubai.

Burj Khalifa

Tra i posti consigliati da vedere a Dubai troviamo il Burj Khalifa, l’edificio considerato il più alto del mondo con i suoi 800 metri e con l’ascensore più veloce. Dal 124° e 125° potrete ammirare il tramonto di Dubai. Inoltre potrai vedere lo spettacolo della fontana: per questo è consigliato salire mezz’ora prima dell’inizio. Potrai scattare una foto all’ingresso del 125° per mostrare ad amici e parenti la vista mozzafiato. Il Burj Khalifa è una tappa fondamentale se si visita Dubai anche per scoprire l’evoluzione dell’archittetura del Medio Oriente.

Burj al-Arab

Altra meta da non perdere a Dubai è il Burj al-Arab, l’hotel a 5 stelle a forma di vela che sorge sul mare. Al suo interno, precisamente al 27° piano, c’è lo Skyview Bar dove si possono sorseggiare drink ammirando la città, il Golfo Persico e le sue luci di notte. I drink realizzati allo Skyview Bar sono una vera e propria forma d’arte. Soggiornare all’interno dell’hotel può essere molto costoso, ma godersi la vista allo Skyview Bar è un’esperienza da dover fare per poter dire di aver visitato l’imponente hotel.

Dubai: cosa vedere in due giorni (secondo giorno)

Ma non finisce qui. Proseguiamo con i nostri consigli su cosa vedere in due giorni a Dubai.

Acquario di Dubai e Zoo Sottomarino

Tappa da non perdere assolutamente a Dubai è l’acquario della città e lo zoo sottomarino. Avrai la possibilità di ammirare l’acquario camminando nel tunnel per osservare, così, la vita sott’acqua. All’interno troverai 33 mila specie di animali e gli squalo toro. Lo zoo sottomarino, invece, è incentrato sull’ecologia e la sostenibilità: con un approccio interattivo ha lo scopo di educare bambini e adulti. E’ diviso in tre zone: foresta pluviale, costa rocciosa e oceano. Qui potrai ammirare lontre, pinguini e il coccodrillo più grande al mondo: Mr Croc e la sua Regina.

Tour nel deserto

Altra esperienza da provare quando si visita Dubai, è lasciare per qualche ora la città e avventurarsi nel deserto. Un modo semplice per staccare la spina dalla caoticità di Dubai. Potrai avere l’opportunità di guidare un Land Cruiser nel deserto, correre e fare surf sulle dune, visitare gli accampamenti e scoprire le tradizioni, ma anche fare un giro sui cammelli. Potrai assistere ad uno spettacolo di danza tannura, tipica del posto, e goderti una meravigliosa cena con barbecuem, ammirando il panorama e le stelle.

Dubai: cosa vedere in tre giorni (terzo giorno)

Chiudiamo la nostra proposta su cosa fare a Dubai con questo paragrafo dedicato al cosa vedere in tre giorni a Dubai.

Legoland

Per tutti gli appassionati di Lego che visitano Dubai è d’obbligo la tappa a Legoland, dove potrai ammirare Dubai costruita con i Lego e svolgere infinite attività con i mattoncini più famosi al mondo. E’ il primo parco Lego realizzato nel Medio Oriente e il settimo nel mondo. Si trova all’interno del Dubai Parks and Resort e con un biglietto cumulativo potrai scegliere quali parchi visitare insieme a Legoland.

Motiongate

Tra i parchi presenti all’interno del Dubai Parks and Resorts c’è il Motiongate Dubai, un parco a tema di ispirazione hollywoodiana. Il parco è suddiviso in varie case cinematografiche come la DreamWorks Animation, produttrice tra i tanti di Shrek, Columbia Pictures e The Puffi. C’è la possibilità di assistere anche a degli spettacoli. Inoltre all’interno del Dubai Parks and Resorts potrete trovare Riverland Dubai un’area ricca di negozi e ristoranti dove potrete effettuare le vostre soste per riposare prima di ricominciare a divertirvi.

Cosa mangiare a Dubai

Dubai non è solo divertimento, cultura e spettacolari grattacieli. Questa città è anche ricca di tante cose da dover maangiare e provare assolutamente prima di andare via. Per questo motivo è obbligatorio soffermarsi sul cosa mangiare a Dubai, consigliandovi alcuni dei piatti tipici che vanno provati almeno una volta nella vita.

Tipici di Dubai sono i datteri di Bateel che, a prima vista, possono semplicemente sembrare dei datteri comuni, ma in Arabia Saudita si producono ben 20 varietà di datteri. Sono un alimento ricco di proprietà nutritive e vanno provati se si visita Dubai. Altra cosa da provare a Dubai è il Couscous, dove viene cotto perfettamente e viene ricoperto da una filo d’olio. Se volete mangiare il gelato a Dubai, dovete chiedere sicuramente il Gelato Boozah al pistacchio: è un gelato tradizionale alla quale si aggiunge la gomma arabica che rende il gelato masticabile. E invece, se cercate qualcosa da bere, dovete assolutamente provare il frullato di frutta che contiene frutta a pezzi, noci, nocciole, miele e panna.

Dove dormire a Dubai

Sicuramente prima di partire per Dubai avete bisogno di sapere qual è la zona migliore dove dormire a Dubai e soprattutto quali sono gli hotel che offrono un ottimo rapport qualità/prezzo. Ecco, quindi, i nostri consigli su dove dormire a Dubai:

  • Dubai Marina: è la zona più vivibile a piedi per godersi le passeggiate sulla The Walk, ricca di ristoranti e negozi. E’ la zona perfetta per chi ha intenzione, durante il soggiorno a Dubai, di rilassarsi in spiaggia. La zona è ben collegata con la metro al Dubai Mall e al Burj Khalifa. I prezzi sono alti perché si trovano solo alberghi di lusso;
  • Palm Jumerirah: è l’isola artificiale a forma di palma ed è una zona dedicata principalmente al mare e al relax. Anche in questa zona si trovano principalmente hotel di lusso;
  • Downtown Dubai: è il centro della città ed è adatta a chi vuole dedicarsi alla cultura e all’architettura. E’ la zona vicina al Dubai Mall, al Burj Khalifa. Uno svantaggio è la vita notturna, dato che non ci sono molti locali e negozi. In questa zona potrete, però, risparmiare sull’hotel.
  • Bur Dubai: è il quartiere più autentico di Dubai, ma anche quello in cui c’è possibilità di trovare alloggi più economici. La zona non è sicuramente quella da sogno, ma vicino potrete trovare le tante moschee e il Dubai Museum.



Booking.com

Dubai: i migliori libri e guide di viaggio

E così arriviamo dunque alla conclusione di questa nostra guida completa su cosa vedere a Dubai. Sperando di avervi dato gli spunti giusti, prima di lasciarvi vorremmo consigliarvi anche alcuni dei migliori ibri e guide di viaggio più venduti che vi aiuteranno a definire gli ultimi dettagli prima della partenza e per godervi al meglio la permanenza.

Offerta
Dubai. Con cartina
  • Schulte-Peevers, Andrea (Author)

I migliori tour di Dubai

Alcuni dei migliori tour in italiano di Dubai ve li abbiamo consigliati sopra. La scelta però è ancor più ampia e soprattutto se conoscete un po’ di inglese potrete godervi tanti tour esclusivi e particolari grazie ai quali scoprire angoli nascosti e magici della città. Vi lasciamo qui allora un’altra serie di consigli utili anche per aggiungere nuove attrazioni alla lista di cosa vedere a Dubai.